Erezione mattutina: cause e significato

Ultimo Aggiornamento: 545 giorni da oggi (25 04 2014)

Link sponsorizzati
Integratori Naturali BioReviv

Introduzione

Sono moltissimi gli uomini che, più o meno spesso, fanno l’esperienza di svegliarsi di mattina con un’erezione in corso: l’erezione mattutina è definita scientificamente come tumescenza peniena notturna (NPT): nonostante questo nome un po’ complicato, è una risposta fisiologica normale, che la maggior parte degli uomini sperimenta. L’erezione mattutina può essere descritta come l’ultima di una serie di erezioni che si verificano durante la notte.

In media un uomo sano ha tra le tre e le cinque erezioni per notte ed ognuna di esse dura tra i 25 e i 35 minuti.

Cause

La saggezza popolare vuole che le erezioni mattutine siano causate dal fatto che la vescica è piena, ma in realtà non è ovviamente così. Non si sa con esattezza quale sia la causa delle erezioni mattutine, ma sappiamo che sono strettamente connesse alla fase REM del sonno (il momento della notte in cui si sogna e l’attività cerebrale si modifica). Le erezioni sono anche connesse a un aumento del ritmo cardiaco.

Non si sa con sicurezza se siano causate anche da altri cambiamenti fisiologici, quindi sono necessarie ulteriori ricerche in proposito. Alcuni ricercatori ritengono che le erezioni mattutine siano uno dei modi in cui l’organismo controlla che tutto sia a posto e funzioni come si deve.

Quando non si verifica

Le prime ricerche sulle erezioni mattutine non hanno riscontrato alcuna differenza tra quelle degli anziani e quelle degli uomini più giovani. Ricerche più recenti, invece, indicano che con il passare del tempo questo fenomeno diminuisce (in alcuni uomini la frequenza rimane inalterata, ma la rigidità del pene e la durata dell’erezione diminuiscono).

Le erezioni mattutine sono oggetto di ricerca per diversi motivi: i ricercatori, ad esempio, hanno pensato di usarle come strumento per diagnosticare la disfunzione erettile. Se un paziente non riesce a ottenere un’erezione soddisfacente durante i rapporti, una delle prime cose che il medico cercherà di capire è se è comunque in grado di ottenere erezioni complete di notte e al mattino.

Se la mancanza di erezioni mattutine è accompagnata dall’incapacità di ottenere un’erezione durante i rapporti, la causa probabile è fisiologica e non psicologica. Se siete preoccupati per un cambiamento delle vostre erezioni mattutine, vi consigliamo di parlarne con il vostro medico, tuttavia i fattori che le influenzano sono svariati (ad esempio la lunghezza e la qualità del sonno) e un loro cambiamento non è automaticamente sintomo di problemi gravi.

Farmaci

I farmaci usati per la cura della disfunzione erettile, tra cui ricordiamo il sildenafil (Viagra®) e il tadalafil (Cialis®), possono avere effetti sulle erezioni mattutine: entrambi, se assunti durante la notte, possono causare erezioni mattutine, soprattutto nel caso del tadalafil.

Ovviamente non c’è alcun motivo per assumere un farmaco solo per ottenere un’erezione mattutina: le erezioni mattutine, infatti, possono essere connesse alla funzionalità erettile, ma non sono necessariamente un indicatore della funzionalità generale o della presenza di disfunzioni.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno

Link sponsorizzati
Integratori Naturali BioReviv

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)


Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Articoli correlati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  • mark

    10 febbraio 2014
    17:42

    non ho l'eiaculazione precoce

    • Dr. Guido Cimurro (farmacista)

      10 febbraio 2014
      17:52

      Come definirebbe l'eiaculazione precoce?

  • Alfonso

    28 febbraio 2014
    22:30

    MI PIACEREBBE AVERE DURANTE IL RAPPORTO DI AMORE PIU CONTROLLO DEL MIO PENE MA QUASI SEMPRE E RAPIDO. nON SO SE C=VI E UN RIMEDIO NATURALE PER QUESTO MIO PROBLEMA O NO. GRAZIE

    • Dr. Guido Cimurro (farmacista)

      3 marzo 2014
      11:13

      Il primo passo è una visita andrologica, se non saranno rilevati problemi organici un sessuologo potrà aiutarla a gestire meglio la situazione.

  • Flavy

    8 aprile 2014
    15:15

    Da un po' di tempo mi sveglio 2-3 volte per notte con forte erezione, quasi tutte le notti. Mentre al contrario non ho più o poco desiderio sessuale

    • Dr. Guido Cimurro (farmacista)

      8 aprile 2014
      16:23

      La mia sensazione è che ci sia un malessere di natura psicologica da indagare, ma la Dr.ssa Randone potrà sicuramente essere più precisa di me.

    • Flavy

      9 aprile 2014
      20:57

      Grazie dell'info. La dottoressa risponde al mio quesito o devo inviarlo in altro modo? Di nuovo Grazie

  • Dr.ssa Randone (psicologa, sessuologa)

    9 aprile 2014
    21:13

    Quando c' è un divario tra la vita onirica e diurna, ci sono sempre cause psicogene da investigare adeguatamente, non online, ma de visu.
    Sia e FISS per andrologo e sessuologo clinico a lei più vicino, per diagnosi e terapia

    Cordialmente,
    Dr.ssa Valeria Randone,
    perfezionata in sessuologia clinica
    www.valeriarandone.it

    • Flavy

      9 aprile 2014
      22:55

      Grazie, ho un appuntamento con urologo dell'ospedale a me vicino il 6 maggio, già con analisi del sangue, prescrittami dal medico di base

    • Dr. Andrea Militello (andrologo, urologo)

      9 aprile 2014
      23:49

      come dice la dottoressa preferibile la figura dell andrologo e del sessuologo

      Dr. Andrea Militello,
      Andrologo Urologo
      Roma, Viale Libia 120
      www.urologia-andrologia.net

    • Flavy

      10 aprile 2014
      08:51

      Grazie mille, ne cercherò uno a Varese. Buona giornata

  • Dr. Andrea Militello (andrologo, urologo)

    10 aprile 2014
    23:15

    Ok, rimaniamo a completa disposizione

    Dr. Andrea Militello,
    Andrologo Urologo
    Roma, Viale Libia 120
    www.urologia-andrologia.net

Lascia un Commento

  • Nome
  • Commento
    • La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

    • Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

    • Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

    • Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

    • Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.

    • È gradito l'utilizzo di un linguaggio consono; l'eventuale utilizzo di terminologia volgare od palesemente inappropriata potrà essere causa di rimozione del messaggio.